Video Public Speaking? Ma come?! Io non sono un Vip!

Roma, 07 marzo 2018 - Ho chiesto alla Dott.ssa Chiara Alzati - Public Speaking Trainer & Coach per Manager, Imprenditori e Professionisti - di darci qualche anticipazione circa gli argomenti che tratterà durante il workshop che terremo assieme a Milano e a Roma dal titolo "Visual Storytelling & Public Speaking". Sono felice che abbia accolto il mio invito soprattutto, perché oggi ci illustrerà una parte del suo intervento che è tra le più affini al mondo del Visual Storytelling, ma non ti anticipo nulla perché preferisco che tu legga direttamente da Chiara le cose interessanti che ha da dirci. Ringrazio Chiara e le lascio la parola!

Che si tratti di parlare dal vivo o nei video, oggi il mercato ci sfida, spesso precludendoci una seconda chance. In un contesto dove la velocità è un fattore determinante, aziende e professionisti non possono permettersi di rimanere indietro. Non solo per quanto riguarda la qualità e l’avanguardia dei propri prodotti o servizi, ma anche per quanto concerne la capacità di raccontare il proprio brand, coinvolgendo il pubblico anche dal punto di vista emozionale.

Tradotto in prassi, questo significa che manager e professionisti oggi devono attrezzarsi al più presto per imparare tecniche efficaci di Public Speaking e di Video Public Speaking.

Il presente e il futuro sono di chi:

è in grado di catturare l’attenzione della propria audience sin dai primi secondi

incuriosire il proprio pubblico con contenuti di qualità

esporre contenuti di valore con disinvoltura, carisma ed empatia

vendere con naturalezza il proprio prodotto e/o la propria idea di business.

Sì, anche per comunicare in pubblico dal vivo e davanti alla telecamera ci sono delle precise tecniche!

Improvvisarti speaker, anche se sei particolarmente disinibito e spigliato, non è quasi mai la strategia giusta. Senza nulla togliere all’importanza di saper comunicare in modo efficace e coinvolgente nelle occasioni offline (eventi, congressi, workshop e incontri di networking), in questo articolo voglio darti un’anteprima dei contenuti di Video Public Speaking che tratterò nel workshop Visual Storytelling e Public Speaking, il 13 e 14 aprile a Milano e il 12 e 13 maggio a Roma.

“Video Public Speaking? Ma come, o non sono un Vip!” Mi spiace contraddirti, ma oggi se vuoi farti conoscere e guadagnare vantaggio competitivo rispetto ai tuoi competitor, non puoi permetterti di non considerarti un po’ Vip! Se vuoi crescere come manager e come professionista, devi spingerti al di là della tua zona di comfort e fare anzi le cose che più ti fanno paura, incluso parlare davanti alla telecamera!

Il primo passo? Creare una una Video Presentazione, breve, incisiva e coinvolgente. Come crearla? Ecco qualche suggerimento pratico:

Scegliere con cura l’incipit.

Le primissime parole che dirai, insieme alla modalità espressiva che userai, sono determinanti in un video. E’ nei primissimi secondi che le persone decidono se continuare ad ascoltarti o se andare a navigare altrove nella giungla del web, magari sul sito di qualche tuo competitor!
Iniziare con il classico “Buongiorno, sono Mario Rossi, CFO di…” non è mai l’idea migliore. E’ quello che i più fanno, quello che viene spontaneo, ma non è la modalità che ti permette né di catturare l’attenzione, né di distinguerti.
Incipit molto più efficaci e decisamente originali sono:
una domanda, una citazione o una parola chiave.

Dopo l’incipit farai una breve pausa e ti presenterai.

Dirai il tuo nome, il tuo cognome, la tua funzione aziendale o la tua professione e a chi ti rivolgi.

Ti suggerisco di non limitarti a “etichettarti” con una semplice job title (CEO, CFO, Marketing Manager, Avvocato, Commercialista…), spiega già da qui cosa significa per te ricoprire il tuo ruolo. 

Chi aiuti? Quali problemi risolvi? In che modo? Perché hai scelto di svolgere proprio questa professione e non un’altra?

Cura il corpo della tua Video Presentazione.

Qui puoi approfondire aspetti particolari del tuo lavoro e accennare a qualche case history di successo. Puoi fare accenno, ad esempio, a tuoi clienti che si sono rivolti a te per risolvere un determinato problema e grazie al tuo aiuto ce l’hanno fatta.

Attenzione però, esistono delle precise tecniche anche per lo Storytelling: narrare mediante racconti senza conoscere le strategie che favoriscono l’identificazione del pubblico nei protagonisti del racconto è perfettamente inutile, noioso e controproducente.

Cura la conclusione.

La conclusione è un elemento cruciale in una Video Presentazione.

Moltissimi manager e professionisti tuttavia scivolano proprio qui. Alcuni per inconsapevolezza, altri per timore di risultare invasivi, altri ancora per chissà quali altre remore. Ogni tuo Video, compresa la tua Video Presentazione, deve concludersi con una chiara call to action, un chiaro invito all’azione.

Cosa devono fare le persone dopo aver visto il tuo video? Contattarti per fissare un appuntamento conoscitivo? Iscriversi alla tua newsletter? Partecipare a un tuo open day? Mandarti la loro candidatura? Dillo esplicitamente!

In questo video trovi altri suggerimenti per la tua Video Presentazione efficace.

Certo parlare davanti alla telecamera, come anche dal vivo, non è mai semplice. Se hai letto fin qui, hai capito che il Public Speaking e il Video Public Speaking seguono delle tecniche precise.

Solo la conoscenza del METODO per costruire discorsi efficaci, abbinata a tanto (tanto!) allenamento può portati a raggiungere ottimi risultati.

Se sei stanco di tenere i soliti speech, se sei stanco di parlare come parlano tutti, se hai capito che la strategia giusta non è quella di prendere spunto da quello che fanno gli altri oratori e se sei desideroso di imparare a parlare per la telecamera, non puoi proprio fare a meno di venire ad ascoltare Massimo e me in occasione del nostro workshop.

Iscriviti ora a Milano o Roma, per non perdere la promo valida fino al 15 marzo.

 

 

Massimo e io ti aspettiamo!

 

Posted in Blog, Eventi, Workshop.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *